Home politica Cpr nell’ex caserma ‘Andolfato’, quasi 1200 cittadini aderiscono alla petizione popolare di...

Cpr nell’ex caserma ‘Andolfato’, quasi 1200 cittadini aderiscono alla petizione popolare di ‘Campania libera’

616

Sono quasi 1200 i cittadini di Santa Maria Capua Vetere che, sabato e domenica, hanno deciso di aderire alla petizione popolare, organizzata da ‘Campania libera’, contro l’individuazione, da parte del ministero, del Cpr nell’ex caserma ‘Andolfato’. I rappresentanti del movimento, diretto a livello provinciale dal consigliere regionale Luigi Bosco, sono scesi nelle principali piazze cittadine per dare vita alla raccolta firme. Tutti i componenti del direttivo, guidati dal segretario Maurizio Cecere, e i consiglieri comunali di ‘Campania libera’ si sono impegnati in questa iniziativa, consapevoli dei disagi che tale situazione potrà creare alla città, al di là di quelli che sono i valori dell’integrazione e dell’ospitalità, che contraddistinguono il gruppo e l’intera amministrazione. Tra i fautori principali della petizione, la consigliera comunale Mariagabriella Santillo, la quale ha affermato: «In questi giorni, siamo scesi in piazza per illustrare ai nostri concittadini le reali motivazioni della petizione popolare. L’apertura di un Centro permanente degli immigrati, destinati ad essere rimpatriati, resta un’ipotesi a di poco inverosimile, per svariati motivi. La nostra posizione è stata rafforzata dall’interno consiglio comunale di Santa Maria Capua Vetere che, durante l’Assise che si è riunita nella serata di ieri, ha votato all’unanimità il documento contro l’insediamento del Cpr nell’ex caserma ‘Andolfato’».

articolo precedenteRagazzi in aula, gli alunni dell’istituto ‘Uccella’ di Santa Maria Capua Vetere in Consiglio Regionale presentano una proposta di legge sul turismo
prossimo articoloSMCV. Oltre 3.000 visitatori nei siti archeologici: ottimo risultato per la rassegna ‘I weekend dei Monumenti’