Home Altri Comuni Registro roghi, Zinzi incontra le associazioni ambientaliste: “Un tavolo con i Comuni...

Registro roghi, Zinzi incontra le associazioni ambientaliste: “Un tavolo con i Comuni per garantire gli obblighi di controllo”

0

Questa mattina l’Ufficio di Presidenza della III Commissione speciale ‘Terra dei Fuochi, bonifiche ed ecomafie’ del Consiglio regionale della Campania ha incontrato i rappresentanti delle associazioni ambientaliste per fare il punto sullo stato di attuazione della legge 20/2013, con particolare riferimento all’Art.3 sull’istituzione del registro delle aree interessate da abbandono e rogo di rifiuti.

All’incontro, oltre al Presidente della Commissione, Gianpiero Zinzi, hanno partecipato la segretaria Maria Muscarà ed il consigliere regionale Michele Cammarano; il commissario di Fare Ambiente per Napoli e provincia, Vincenzo Scatola; il direttore di Legambiente Campania, Antonio Gallozzi ed i portavoce di Rete di Cittadinanza e Comunità – Stop Biocidio, Mario Domenico Giuliano, Miriam Corongio, Vincenzo Tosti e Christian La Porta.

In particolare è stato approfondito il contenuto della diffida presentata dalla Rete di Cittadinanza ai Comuni che sono risultati inadempienti rispetto all’obbligo di censimento delle aree.

“Lavoriamo tutti – ha dichiarato il Presidente della Commissione, Gianpiero Zinzi – perseguendo un unico obiettivo: che la legge in vigore sia rispettata dai Comuni e che si compiano significativi passi avanti nella risoluzione delle difficoltà che i territori ancora affrontano. L’attivismo delle associazioni va apprezzato ed incentivato. Da oggi istituiremo un tavolo permanente con Fare Ambiente, Legambiente, i Comuni e le altre associazioni impegnate sul campo ambientalista che consenta di individuare e superare le difficoltà incontrate nell’applicazione della legge ed ovviare alle eventuali lacune della normativa vigente”.

articolo precedenteVia dei Romani, ritorna il doppio senso solo per le auto
prossimo articoloCoordinamento Sammaritano: “Quando noi studenti potremo sentirci veramente sicuri nei nostri istituti?”