Home Altri Comuni CASAPULLA. Bloccato il trasferimento dell’ex farmacia comunale, ‘Campania libera’ tuona: la nostra...

CASAPULLA. Bloccato il trasferimento dell’ex farmacia comunale, ‘Campania libera’ tuona: la nostra interrogazione era dunque fondata, maggioranza ancora una volta superficiale e arrogante

0

La seconda farmacia (ex comunale) di Casapulla non potrà trasferirsi nella nuova sede scelta dai titolari: arriva il divieto da parte della Regione Campania. Da un approfondito riscontro effettuato dal personale degli uffici competenti, infatti, è emerso che, stando a quanto indicato dalla delibera di consiglio comunale numero 48 del 28 novembre 2002, ad oggetto ‘Integrazione delibera di consiglio comunale numero 69 del 10 novembre 1999’, «la seconda sede farmaceutica – si legge – deve essere allocata nell’area compresa tra via Nazionale Appia, lato destro, nel tratto che va dall’incrocio con via Fornaci verso Caserta». In pratica, dove si trova attualmente. Dunque, il dirigente della Direzione generale per la tutela della salute – Politica del farmaco e dispositivi – ha respinto la richiesta avanzata dai titolari della ‘Farmacia Castaldo’, in quanto il trasferimento nei nuovi locali, situati sulla Nazionale Appia civico 177, non è autorizzabile, visto che gli stessi ricadono nel bacino di utenza servito dalla prima farmacia (quella di Piazza Natale). Sull’argomento, intervengono i consiglieri comunali di ‘Campania libera’ che, proprio in occasione dell’ultima Assise di lunedì scorso, avevano presentato un’interrogazione sul trasferimento della farmacia, esternando in aula tutta la loro contrarietà. «La risposta, assolutamente superficiale, fornita dall’assessore Di Nardo al nostro esposto – fanno sapere i consiglieri di ‘Campania libera’ – non ci aveva soddisfatto per nulla. Ne avevamo tutte le ragioni, considerando la mancata autorizzazione da parte degli organi competenti al trasferimento della seconda farmacia di Casapulla in nuovi locali, in una zona non ricadente nel suo bacino di utenza. Purtroppo l’arroganza dell’attuale maggioranza ha prodotto l’ennesimo disastro, l’ultimo di una lunga serie. I rappresentanti dell’amministrazione di ‘Casapulla domani’ continuano a dare per scontato cose che non lo sono per nulla, palesando un atteggiamento per nulla produttivo per la nostra comunità».

articolo precedenteDelibera “Piccirillo”. De Riso: “Giunta mal informata”
prossimo articoloIl Movimento Sammaritano scarica Monaco: “Si dimetta”