Home Attualità “Spartachiadi”, evento da rinnovare all’Anfiteatro Campano

“Spartachiadi”, evento da rinnovare all’Anfiteatro Campano

3
KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Sport e turismo a braccetto nell’antica Capua attraverso percorsi ed eventi in grado da un lato di valorizzare e diffondere il patrimonio storico ed archeologico di Santa Maria Capua Vetere e dall’altro di far vivere, all’ombra dell’Anfiteatro Campano, discipline sportive come judo, ju jitsu, kendo, karate, kick boxing, lotta greco romana, pugilato, taekwondo e tante altre arti marziali. Su questo progetto, anche in virtù del grande successo registrato dalle “Spartachiadi” in occasione delle Giornate di Primavera del Fai, stanno lavorando l’amministrazione comunale e in particolare l’assessore allo Sport Claudia Imparato ed il Comitato provinciale del CONI di Caserta nella persona del presidente De Simone, manifestando l’intenzione di rinnovare l’appuntamento, facendo diventare l’Anfiteatro Campano punto centrale in un percorso nazionale.

Le “Spartachiadi”, che si sono svolte lo scorso weekend con la partecipazione organizzativa di personaggi del calibro di Claudio Pollio, vincitore dei Giochi Olimpici a Mosca nel 1980, di Michele Liuzzi e di Anthony Fasugba, hanno visto la presenza di tantissimi appassionati anche grazie alle Giornate di Primavera, organizzate dal FAI nella persona del presidente provinciale Donatella Cagnazzo, che hanno permesso a tantissimi visitatori di ammirare 13 siti della Città di Santa Maria Capua Vetere, protagonista del weekend FAI per la provincia di Caserta.

“Un ringraziamento particolare al presidente De Simone del CONI per un evento che riesce perfettamente a coniugare la bellezza della nostra storia con il sano agonismo sportivo. Siamo contenti – hanno dichiarato il Sindaco Antonio Mirra e l’assessore al ramo Claudia Imparato – che il Coni ritenga questo weekend soltanto un punto di partenza di un progetto più ampio anche grazie al quale ed in costante collaborazione con il Polo Museale della Campania e la Sovrintendenza Archeologia belle arti e paesaggio ci potrà essere una ulteriore valorizzazione del patrimonio e delle bellezze della nostra città”.

articolo precedenteRiqualificazione urbana, c’è Campo Sorbo per Santa Maria Capua Vetere
prossimo articoloParco Urbano abbandonato ma non troppo. Riflettori accesi