Home cultura e spettacolo Santa Maria Capua Vetere città di eventi: la Regione “premia” l’ottava edizione...

Santa Maria Capua Vetere città di eventi: la Regione “premia” l’ottava edizione de “La Città sotto la Città”

Con una valutazione di 74,66 punti la Direzione Generale per le politiche culturali e turismo della Regione Campania ha classificato al 14esimo posto, su scala regionale, la proposta progettuale dell’ottava edizione de “La Città sotto la Città” presentata dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Mirra e dal Polo Museale della Campania.

L’evento, che si svolgerà a maggio 2019 con un programma innovativo caratterizzato da un viaggio attraverso i culti della spiritualità, è stato finanziato con 70.000 euro a valere sul POC 2014/2020 ottenendo quindi, grazie anche ai risultati conseguiti nell’ultima edizione, l’accesso ad una fascia maggiore di finanziamenti.

L’amministrazione Mirra ha presentato in Regione Campania un programma che punterà ancora con decisione all’aspetto culturale e, in particolare, al culto di  Mitra e alla spiritualità con il contestuale coinvolgimento delle corti storiche del centro cittadino per un itinerario non solo di spettacoli ma anche enogastronomico in linea con le tradizioni dell’epoca. Si punterà con decisione alla valorizzazione e alla promozione dei tanti edifici di culto e, in particolare Duomo, Chiesa della Madonna delle Grazie, Chiesa di San Giuseppe in via Latina, Convento di San Bonaventura ma anche e soprattutto del Mitreo che si metterà ulteriormente in mostra dopo i lavori, finanziati con i fondi Mibact, di restauro, valorizzazione e nuova illuminazione del sito.

Il programma della kermesse, che si svolgerà in quattro weekend, prevede inoltre un articolato sistema di visite guidate, rappresentazioni teatrali e mostre nonché la presentazione dei piatti tipici di ogni periodo storico per un evento che accompagnerà i visitatori alla scoperta del culto religioso lungo un percorso articolato in due periodi storici: il periodo dei culti nell’antichità e il periodo del culto della Vergine Maria, dal 64 d.C. al 1950, anno di incoronazione dell’Assunta. Le visite guidate riserveranno tantissime sorprese: nell’itinerario sono infatti previste anche quelle, rigorosamente teatralizzate, ai sotterranei del Duomo, ai cimiteri delle Cappelle San Francesco e della Morte nonché al cimitero sotterraneo della Chiesa di San Giuseppe in via Latina dove venivano seppelliti i condannati a morte.

“Ennesima grande soddisfazione – ha dichiarato il sindaco Antonio Mirra – per un progetto di valorizzazione e promozione del territorio realizzato in assoluta sinergia con il Polo Museale e, in particolare, con il Direttore del Museo Archeologico la dott.ssa Ida Gennarelli. L’evento, che giunge alla sua ottava edizione, si inserisce in un più ampio contesto che porterà il mese di Maggio ad essere sempre più mese della cultura per la Città di Santa Maria Capua Vetere anche grazie al prezioso contributo alle iniziative culturali da parte di Vincenzo Oliviero nonché ad ulteriori iniziative, realizzate con la Soprintendenza e con la Responsabile Archeologica dott.ssa Antonella Tomeo, finalizzate alla riscoperta e alla divulgazione delle affascinanti Domus presenti sul nostro territorio cittadino”.