Home cultura e spettacolo Giovedì Incipit in libreria #ioleggoperche. Venerdì il magistrato Paolo Albano con “La...

Giovedì Incipit in libreria #ioleggoperche. Venerdì il magistrato Paolo Albano con “La strage di Caiazzo. 13 ottobre 1943”

Sono passati 75 anni dal quel tragico 13 ottobre 1943, ma è soprattutto a una persona che si deve il ricordo di una strage che rischiava di essere destinata all’oblio. Venerdì 26 ottobre, alle ore 18, quella persona, un magistrato, sarà nella Libreria Spartaco, in via Martucci 18, a Santa Maria Capua Vetere (Ce), per presentare il libro testimonianza“La strage di Caiazzo. 13 ottobre 1943. La caccia ai criminali nazisti nel racconto del pubblico ministero” (ed. Mursia). Paolo Albano, all’epoca pm, ebbe un ruolo fondamentale nel processo, conclusosi nel 1994, 51 anni dopo l’eccidio, con l’unica sentenza di condanna di criminali nazisti in Italia da parte di una Corte di assise e non di un tribunale militare. Introduce l’avvocato Camillo Irace. Ingresso libero.

105946766-109605800806087-5628686041506988702-n

 Il libro: La sera del 13 ottobre 1943, sulle colline di Caiazzo presso Caserta, alcuni soldati della Wehrmacht, guidati da un giovane sottotenente, trucidarono ventidue civili italiani, nella quasi totalità donne e bambini. La strage scomparve dalla memoria collettiva per quasi mezzo secolo e solo nel 1988, a seguito di fortuite circostanze e dell’iniziativa di un coraggioso ricercatore italoamericano, la Procura di Santa Maria Capua Vetere aprì un procedimento penale per scoprirne movente e autori. Il processo si concluse nel 1994 con la condanna all’ergastolo di due dei responsabili. A raccontare una vicenda storica e giudiziaria davvero agghiacciante e coinvolgente è il pubblico ministero Paolo Albano, a quattro mani con il giornalista Antomo Della Valle. La sua è una testimonianza fondamentale per il recupero della memoria dello spietato episodio, ma anche una riflessione sulla giustizia e sulle logiche della ragion di Stato che portarono Alleati e autorità italiane a insabbiare la vicenda.

 L’autore: Paolo Albano (Napoli 1948) è entrato in magistratura a 25 anni e ha lavorato presso le procure di Venezia, Santa Maria Capua Vetere, Napoli e Isernia. Nel dicembre del 2005, gli è stata conferita la cittadinanza onoraria della città di Caiazzo per aver contribuito quale pubblico ministero alla condanna degli autori dell’eccidio.