Home Attualità Comitato 1809, Borgia: “Si spera in tempi brevissimi nella realizzazione del progetto...

Comitato 1809, Borgia: “Si spera in tempi brevissimi nella realizzazione del progetto in cui tutti crediamo”

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta del Comitato 1809 a firma del presidente Emilia Borgia:

“Lo scrivente Comitato 1809, come noto costituitosi con il precipuo fine di interessarsi delle problematiche del Tribunale di S. Maria C.V. ed annessa edilizia giudiziaria, in occasione dell’inaugurazione di “Palazzo San Carlo”, si complimenta in primis con il Presidente del Tribunale di S. Maria C. V. per l’ottimo risultato raggiunto nell’interesse della Giustizia dell’intera Provincia.
Non può sottacersi, infatti, che l’assetto degli uffici giudiziari che si va delineando è ascrivibile all’impegno e tenacia costantemente profusi in questi anni dalla dott.ssa Casella. Riteniamo che i vani tentativi di offuscare detto risultato siano stati compiuti sull’onda emotiva legata al temporaneo disagio che ha fatto perdere di vista l’obiettivo che l’intera classe forense si era prefisso, sin dal lontano 2012.
La collaborazione congiunta dell’Avvocatura, della Presidenza e delle Istituzioni può e deve consentirci di restituire all’intera classe forense “dignità ed orgoglio”, attraverso la realizzazione di strutture adeguate ed in grado di ospitare e di amministrare la Giustizia nell’interesse dei cittadini. Auspichiamo che anche il Sindaco, in uno a tutti i Colleghi che, a vario titolo, siedono tra gli scranni dell’Ente Comune, così come da impegno reiteratamente assunto sia verbalmente che formalmente in campagna elettorale mediante relativa sottoscrizione di apposito documento, possa contribuire a rimuovere tutti gli ostacoli che ancora si frappongono al celere completamento del progetto sull’edilizia giudiziaria. Il suddetto progetto unanimemente condiviso, appoggiato, supportato è – oggi più che mai – raggiungibile visti i risultati già conseguiti, per il che si chiede un ulteriore sforzo ed una fattiva collaborazione tra le Istituzioni preposte.
Tutte le fasi di passaggio sono connotate da fisiologiche disfunzioni: la pazienza e la dignità con cui i colleghi, unitamente agli operatori del diritto, quotidianamente adempiono al proprio mandato sopportando i disservizi, potranno essere ben ricompensati (si spera in tempi brevissimi) dalla realizzazione del progetto in cui tutti abbiamo creduto e crediamo.  Le commissioni di manutenzione con la partecipazione del Presidente del Tribunale, del Provveditorato alle Opere Pubbliche, del Comune e, fino a circa due anni orsono, anche del locale COA, hanno appoggiato il progetto che oggi inizia ad avere corpo, che richiede solo un ulteriore piccolo sforzo, e che non può essere smembrato, alterato e rallentato solo per una momentanea e transeunte fisiologica disfunzione”.

https://www.cafedonjose.it/cafe-don-jose-capsule-a-modo-mio-compatibili