Home cultura e spettacolo Al Teatro Garibaldi la nuova opera dei “Quartieri Seplasia”

Al Teatro Garibaldi la nuova opera dei “Quartieri Seplasia”

3

Sarà la compagnia “Quartieri Seplasia” ad aprire la Rassegna 2019 Città di Santa Maria Capua Vetere per una nuova entusiasmante stagione di Teatro Amatoriale. Venerdì 5 (ore 20.30) e domenica 7 aprile (ore 18.00) appuntamento al Teatro Garibaldi con il nuovo lavoro “Il restauro del San Michele” a firma dell’innovativo Luigi Rilletti che ne cura anche la regia.

Un’ avventura basata su un tipo di teatro coraggioso, lontano dai soliti schemi che riguardano la napoletanità; un teatro visto con altri occhi, occhi penetranti, emozionanti, un tipo di teatro che comunque, nel bene e nel male, lascia il segno. Un esperimento del genere è stato già fatto l’anno scorso, con “Quei pomodori di fine agosto” e, visto il grande successo riscontrato, l’autore ha voluto esprimersi ancora più intensamente, sempre attraverso una storia molto intricata, piena di colpi di scena che inchiodano lo spettatore alla poltrona… “pe ssapè comme va a fernì!”.

Tutto questo grazie alla presenza di un cast attoriale e scenografico di altissimo livello, dove ogni attore è protagonista della propria storia e dove si raggiungono picchi di qualità recitativa davvero eccezionali, come sono stati sempre raggiunti in qualsiasi spettacolo fatto dalla compagnia “Quartieri Seplasia”.

“Il restauro del San Michele” è però anche un testo dai forti contenuti sociali perché Rilletti non è per nulla abituato a lasciare le cose al caso. La “Mamma coraggio”, figura importantissima dell’intera sceneggiatura, ha permesso che si concretizzasse un’importante sinergia con l’associazione “Le Ali” che sarà presente in platea con una propria rappresentanza per condividere significative esperienze di vita.

https://www.cafedonjose.it/cafe-don-jose-capsule-a-modo-mio-compatibili

articolo precedenteTari e Tosap, riduzione dell’80% per i commercianti di Corso Garibaldi
prossimo articoloPuc, passo in avanti per il futuro urbanistico della città: parte la fase di confronto con il territorio