Home Attualità Tutela ambientale, prosegue il progetto dell’Amministrazione Mirra: altra 5 telecamere in città...

Tutela ambientale, prosegue il progetto dell’Amministrazione Mirra: altra 5 telecamere in città e ponte radio autonomo

Altri cinque impianti di videosorveglianza stanno per essere installati sul territorio cittadino in aggiunta ai sette già posizionati che, nel corso degli ultimi mesi, hanno consentito di “beccare” quei cittadini rei di aver sversato abusivamente rifiuti sia in aree periferiche, come è accaduto nei pressi del Centro di Raccolta di via Napoli, che nel centro cittadino, come si è verificato in via Fardella.

La novità principale riguarda però la realizzazione di un ponte radio, in corso di installazione su tre campanili della nostra Città, che consentirà di gestire in piena autonomia la trasmissione delle immagini provenienti dalle telecamere, con una importante differenza in termini di gestione e funzionalità delle attrezzature rispetto a quanto accadeva finora con il collegamento al ponte radio situato sul monte Tifata.

I nuovi impianti, che nel progetto dell’Amministrazione Mirra con l’assessore al ramo Francesco Petrella saranno in totale 32, saranno dotati di una doppia tecnologia che consente sia la normale registrazione che la scansione di targhe; le immagini saranno monitorate costantemente dal personale dell’Ufficio Igiene del Comune oltre ad essere sottoposte ad una registrazione h24.

“Si tratta, come anche per altri ambiti, di un percorso che portiamo avanti da diversi mesi – hanno dichiarato il sindaco Antonio Mirra e l’assessore Francesco Petrella – e che, dopo le verifiche necessarie e una meticolosa programmazione entra adesso in una piena fase esecutiva che ci consente di implementare il sistema di videosorveglianza nel centro urbano, di cui la nostra Città riesce finalmente a dotarsi in maniera particolarmente efficace; non è un caso se negli ultimi mesi, grazie all’azione congiunta tra Ufficio Igiene e  Comando di Polizia Municipale, siamo riusciti a beccare e sanzionare utenti che, evidentemente, non amano la Città”.