Home cronaca Sei agenti aggrediti nel carcere di S. Maria Capua Vetere, Piccerillo (Lega):...

Sei agenti aggrediti nel carcere di S. Maria Capua Vetere, Piccerillo (Lega): “La polizia penitenziaria e le Forze dell’Ordine ci avranno sempre al loro fianco”

E’ da tempo che la Lega e Matteo Salvini chiedono a questo Governo maggiore interesse a ciò che avviene negli istituti penitenziari.
Nelle ultime ore infatti si è aperto un nuovo scenario nel carcere di Santa Maria Capua Vetere dopo l’ennesima aggressione di due detenuti extracomunitari a sei agenti. Inutili le richieste di aiuto, sia da parte delle stesse Forze dell’Ordine che dal Premier della Lega, che ancora una volta si ritrovano a far fronte ad un contesto oramai degenerato.
Nelle vesti di consigliere provinciale della Lega, Antonella Piccerillo ancora una volta, chiama l’attenzione e mostra vicinanza agli agenti coinvolti nel duro accaduto: “Non è la prima volta che ci troviamo di fronte ad un simile problema negli istituti di pena della nostra regione ed in particolare in quello di Santa Maria Capua Vetere. Il ministro Bonafede, così come il Governatore della Regione, Vincenzo De Luca, sono assolutamente consapevoli di quello che accade ma le loro risposte come sempre tardano ad arrivare”. “L’organo della Polizia Penitenziaria – aggiunge poi la Piccerillo – già fa fatica a stare in uffici di detenzione date le difficili condizioni in cui svolgono il proprio lavoro, in più ricevono continuamente aggressioni e ostilità da parte dei reclusi. Siamo stanchi di continuare ad assistere in maniera pressoché impotenti a questa situazione. Da consigliere provinciale della Lega posso assicurare che gli agenti non saranno mai soli in questa lotta”.
Secondo il leader Matteo Salvini è giusto inoltre che vengano fornite agli agenti le pistole elettriche, come ha già ribadito in precedenza: “Altro che fermare la pistola elettrica per le Forze dell’Ordine, cancellare i Decreti sicurezza e rimandare i delinquenti a casa: questo Governo mette in pericolo l’Italia. Tornerò presto in Campania e a Caserta per ribadire la mia vicinanza a chi indossa la divisa”.