Home Attualità Anniversario fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria, il disappunto dei sindacati

Anniversario fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria, il disappunto dei sindacati

Riceviamo e pubblichiamo nota a firma delle sigle OSAPP, UIL,P.A.PP, USPP, Si.P.Pe che esprimono il loro disappunto per l’iniziativa di far celebrare la 204° commemorazione della fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria

Egregio Direttore, dott.ssa Elisabetta PALMIERI,

dirigente della Casa Circondariale di Santa Maria C.V., le scriventi segreterie, in seguito dell’iniziativa da lei intrapresa, di far celebrare presso codesta Casa Circondariale la festa per la 204° commemorazione della fondazione del Corpo di Polizia Penitenziaria, riteniamo doveroso esprimere il nostro disappunto in merito a tale iniziativa,  atteso lo stato d’animo percepito tra i poliziotti colà in servizio, per i motivi di seguito riportati:

E’ ancora vivo in noi della Polizia Penitenziaria di Santa Maria C.V. il ricordo della dipartita del nostro collega dell’ufficio conti correnti avvenuta nel mese di Dicembre 2020, a causa dell’epidemia da “Sars Covid 19”;

Ancora molti poliziotti penitenziari ed i loro familiari stanno smaltendo i postumi dei sacrifici profusi durante il periodo pandemico “non ancora concluso”, per garantire i turni di servizio prolungati e massacranti, sia fisicamente che psicologicamente, con importanti rinunce, ed a cui per quanto ci è dato di sapere, nessuno di codesta direzione ha mai espresso una semplice parola di ringraziamento e gratitudine, rispetto al periodo sofferto, non che fosse dovuta, ma sicuramente avrebbe fatto piacere;

Non dimentichiamo neanche le vicissitudini giudiziarie che ancora affliggono circa 48 poliziotti penitenziari di Santa Maria C.V. , di cui ancora non si conoscono gli esiti delle indagini;

Ed ancora, il sovraffollamento, la carenza di personale, la mancanza di strumenti tecnologici e le aggressioni di cui proprio negli ultimi giorni sono stati vittime alcuni poliziotti penitenziari, e le tante altre problematiche che gravano sulla Casa Circondariale da lei diretta riguardanti all’organizzazione e alla funzionalità del sistema per il raggiungimento degli obiettivi.

Egregio Direttore, noi della Polizia Penitenziaria appartenenti al reparto di Santa Maria Capua Vetere, avremmo gradito che almeno per  quest’anno, questo evento, al quale sempre a noi, ci è sempre parso di partecipare come invitati e non come festeggiati, venisse celebrato in un altro istituto della provincia, e non in quel di Santa Maria, non ritenendo ci sia nulla per cui festeggiare.

Cordiali Saluti.