Home politica Aveta e i Verdi: “Sulla questione rifiuti legalità a rischio”

Aveta e i Verdi: “Sulla questione rifiuti legalità a rischio”

Stato di agitazione dei dipendenti del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti a partire dal 20 settembre, dubbi sul rispetto di norme igieniche e di sicurezza. Lo denunciano le rappresentanze sindacali dei lavoratori, sollevando temi già evidenziati da tempo da Raffaele Aveta, candidato sindaco a Santa Maria Capua Vetere.

«La ditta – spiega lo stesso Aveta – gestisce il servizio, di proroga in proroga, da circa dieci anni. Stando a quanto leggo in una nota del sindacato, gli automezzi utilizzati non garantirebbero la sicurezza e la tutela della salute dei lavoratori, perderebbero liquami vari che finiscono direttamente nella rete fognaria, il lavaggio degli automezzi viene definito “approssimativo, occasionale e non continuo”, viene denunciata una scarsa sanificazione dei mezzi e dei luoghi di lavoro. Siamo di fronte, evidentemente, a un serissimo problema riguardante la violazione delle più elementari norme di igiene e di tutela dell’ambiente».

Aveta ha proposto, per la gestione del servizio di raccolta rifiuti, la soluzione “in-house”: «Va costituita immediatamente una società comunale, con garanzia dei livelli occupazionali e con un controllo pieno, da parte della pubblica amministrazione, del rispetto della legalità. Questo, inoltre, comporterà un risparmio di spesa e una maggiore efficienza ed efficacia del servizio».

I temi ambientali sono stati anche al centro di un incontro tra il candidato sindaco e la lista “Europa Verde-Movimento Civico”, durante il quale si è discusso approfonditamente non solo dell’impegno programmatico a creare una società “in-house” per i rifiuti, ma anche di altri argomenti sui quali da sempre Aveta si batte: dalle problematiche legate all’impianto Stir all’incremento delle malattie tumorali, specialmente all’apparato respiratorio, sul territorio sammaritano; dalla cura del verde pubblico alla progettazione di una città votata alla mobilità sostenibile (biciclette, trasporto pubblico con mezzi elettrici o ibridi, potenziamento dei collegamenti ferroviari, aree di parcheggio di interscambio).

«L’incontro con gli amici candidati della lista dei Verdi – conclude Aveta – è stato molto proficuo e ricco di spunti per operare, fin dal primo giorno dopo le elezioni, per un cambiamento radicale di questa città, per un’attenzione scrupolosa all’ambiente e alla salute dei cittadini».