Home politica Francesco Fiore si dimette da segretario del PD

Francesco Fiore si dimette da segretario del PD

“Non è facile per me scrivere questa lettera, abbandono un sogno a cui ho dedicato gli ultimi 13 anni della mia vita” – esordisce Francesco Fiore –  Un progetto nato nel 2008 quando presi la mia prima tessera di partito, quella dei Giovani Democratici per passare poi nel 2012 al Partito Democratico, ricevendo la nomina come Dirigente Organizzativo e poi come tesoriere grazie alla fiducia al tempo dell’ ex Segretario Maurizio Capitelli.

Il progetto del “partito nuovo” mi entusiasmò, motivo per il quale ho partecipato in prima persona a tutti quelli che erano gli appuntamenti del partito in riferimento alla nostra città.

Se mi guardo indietro vedo tanta fatica e tante battaglie, vedo riunioni, discussioni, documenti, campagne per le elezioni alcune vinte ed alcune perse, entusiasmo, dolore, delusioni e soprattutto vedo persone, amici e compagni, e tanta passione. Sono stati anni stupendi quelli trascorsi con un gruppo affiatato, abbiamo fatto bene o quasi, in ogni argomento trattato e chi mi conosce sa benissimo quanto io tenga alla politica costruttiva.

Il PD ha cambiato davvero verso. Doveva essere il partito di tutti ed è diventato il PD di pochi. Sono arrivato quindi a prendere una decisione dolorosa e sofferta ma che mi vede finalmente in pace con me stesso, in coerenza con ciò che sono, con la mia storia e con i miei valori. “Ho conservato intatti gli ideali della mia gioventù” come diceva Enrico Berlinguer e continuo a sperare che possano ancora ispirare la nostra società avvilita ed esasperata.

Come Segretario e come gruppo abbiamo fatto davvero tanto, con immenso orgoglio abbiamo voluto intitolare la nostra nuova sede ad una persona che per me è un simbolo di coraggio, una donna che ha fatto della testimonianza degli orrori della Shoah e della lotta contro ogni forma di odio una delle sue ragioni di vita, la Senatrice a Vita Liliana Segre.

Voglio ringraziare chi è stato ed è tutt’oggi per me una guida, Umbero Pappadia per il lavoro svolto negli anni come consigliere comunale, per la sua professionalità, per la sua disponibilità per il suo vero amore per la città e la sua visione reale di bellezza, per la sua condivisione dei progetti, Antonio Scirocco per i suoi consigli, per la sua saggezza, per la sua astuta visione degli eventi, Giovanni Calabrò per essere uno dei pochi giovani veri, quello che conosce realmente la cultura della politica seria, l’amico di tante battaglie quello che ho più a cuore. Ringrazio semplicemente: Camilla Sgambato Giuseppe Stellato, Maurizio Capitelli, Francesco Di Nardo oggi assessore al bilancio, la mia segreteria composta da Daniela Buscetto Responsabile della Comunicazione e neo eletta Consigliere Comunale, Filippo Chiariello Presidente del circolo, Ciarmiello Pasquale Tesoriere neo eletto Consigliere Comunale e tutto il direttivo. Vi ringrazio per la stima e per il grande affetto ma soprattutto per aver creduto in me (o quasi).

Oggi è il momento di fare delle scelte, anche se sofferte, ringraziando il cielo e soprattutto ringrazio i miei genitori e i miei amici che mi hanno sempre sostenuto dandomi la forza giusta, quella di migliorare nella vita quotidiana e quella professionalmente con tanti sacrifici. Si sono aperte strade che mi tengono purtroppo lontano dagli eventi e dalle varie vicende politiche, è giusto dare spazio a chi con senso di responsabilità e che può lavorare ancor di più per la nostra comunità, la nostra città ha bisogno del Partito Democratico, per questo motivo mi dimetto, scelta irrevocabile da Segretario Cittadino. Ho sempre pensato alla politica come servizio e, soprattutto nelle istituzioni, come servizio a tempo determinato. Ho sempre vissuto del mio lavoro e quindi, a differenza di altri, ho la fortuna e la grande libertà, di avere un impiego a cui ritornare. Resto comunque a disposizione del circolo nelle mie possibilità. Certo di riscontrare la massima comprensione”.