Home politica Aveta: “Casino inebriato dalla passerella con Mirra, dimentica chi davvero si è...

Aveta: “Casino inebriato dalla passerella con Mirra, dimentica chi davvero si è sempre battuto sullo Stir”

“È singolare che il consigliere Giuseppe Casino, inebriato dalla passerella al fianco del sindaco, si lasci andare a dichiarazioni alla stampa così fuori dalla realtà e istituzionalmente sgarbate”. È quanto afferma Raffaele Aveta, capogruppo di “Alleanza per la città – M5S – Verdi”, commentando il comunicato diffuso dall’esponente della maggioranza.

“Casino – continua il leader dell’opposizione – va un po’ fuori dal seminato, incensando il lavoro dell’amministrazione guidata dallo stesso sindaco Mirra, che ha sempre dichiarato che i cattivi odori non provenivano dallo Stir e che, anzi, l’impianto non presentava alcuna anomalia. E si vanta di lavori per i quali il Comune non ha alcun merito, avendone sempre negato l’utilità, e che per fortuna sono stati eseguiti dalla Provincia, nonostante i tentativi dell’esecutivo municipale di minimizzare la gravità della situazione e grazie invece al nostro costante impegno di attivisti e ai riflettori che, negli anni, abbiamo sempre tenuto accesi sullo Stir”.

Aveta rivendica con determinazione un impegno della prima ora sui temi ambientali: “Ma proprio a me Casino pretende di fare appunti? Ma dov’era lui quando abbiamo fatto barricate e battaglie per porre l’attenzione sulle maleodoranze provenienti dall’impianto di Sant’Andrea? Non lo ricordo tra i partecipanti alla grande manifestazione dopo l’incendio allo Stir… Su questo argomento non accetto lezioni”.

“Apprezziamo – conclude Aveta – che Casino abbia rinunciato al gettone per le presenze in commissione, e di questo gliene diamo merito. Solo che poi non ha più convocato l’organismo consiliare che presiede, tanto che abbiamo dovuto rivolgerci al prefetto per poter discutere temi come l’emergenza rifiuti e la situazione dell’ospedale Melorio che, proprio grazie al nostro impegno, sarà affrontata questa settimana in commissione”.