Home cronaca Bloccato mezzo chilo di droga diretto ad un detenuto attraverso un drone....

Bloccato mezzo chilo di droga diretto ad un detenuto attraverso un drone. In corso indagini

313

Un drone e e oltre mezzo chilo di droga – soprattutto hashish e una decina di grammi di cocaina – sono stati sequestrati nella tarda serata di martedì all’interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere dalla polizia penitenziaria.

È stato un agente a notare un drone a terra nell’area passeggi del reparto Tevere; il poliziotto è accorso scoprendo che attaccato al drone c’era anche un involucro con la droga, destinata ad un detenuto. Più o meno nello stesso momento un recluso ha inscenato un piccolo incendio nella sua cella, con l’intento di scendere nell’area passeggi e provare a recuperare lo stupefacente. Il recluso ha negato che la droga fosse a lui destinata, ma sono in corso accertamenti. Il drone e la droga sono stati sequestrati.

“Ormai – commenta il segretario regionale del sindacato di polizia penitenziaria Uspp, Ciro Auricchio – si combatte una guerra quotidiana nelle carceri per sventare l’introduzione di droga e cellulari. La criminalità organizzata, con mezzi tecnologi e stratagemmi sempre più raffinati, prova a destabilizzare la sicurezza interna, e per questo bisogna dotare la polizia penitenziaria di mezzi tecnologicamente avanzati per contrastare questa piaga. A Santa Maria Capua Vetere, nonostante la grave carenza d’organico, si riesce comunque a garantire l’ordine e la sicurezza interna”.

articolo precedenteRubavano opere d’arti e ossa dei santi. Furto anche a Palazzo Mazzocchi. 27 indagati
prossimo articoloDidiesse S.r.l. lancia la nuova Collection Coffee Lover: la celebrazione per gli amanti del caffè