Home slider principale Gladiator, futuro incerto e “Piccirillo” abbandonato

Gladiator, futuro incerto e “Piccirillo” abbandonato

1082

Nel calcio per resistere ai momenti di crisi è importante programmare, ciò che al momento non si sta facendo a Santa Maria Capua Vetere, con una proprietà (D’Anna) pronta a cedere, gettando completamente la spugna su ogni lato sportivo. Oltre ad aver congelato gli stipendi alla squadra, questa trattativa non trattativa, sta lasciando nel degrado anche lo stadio “M. Piccirillo” che già da qualche mese non riceve nessuna manutenzione, e lo stato attuale dell’impianto è sotto gli occhi di tutti. La fortuna del campo sportivo, era rappresentata dall’arrivo dell’Alessandria, visto che, Rosario Lebbioli (uno degli sponsor del Gladiator), per non far sfigurare la città di Santa Maria Capua Vetere, si sarebbe accollato le spese di tagliatura del manto erboso, ma il dietro front di mister Pillon, dirottando la sgambatura nella Reggia di Caserta, ha bloccato ogni tipo di intervento al campo. Fino al 30/6/2017 il campo è in gestione ASD Gladiator, quindi qualsiasi intervento può essere solo autorizzato dal presidente D’Anna. La città, spera quanto prima la fumata bianca, anche per non gettare al vento tutti gli investimenti fatti anche sul manto erboso, perché con l’arrivo dell’estate l’erba è destinata ad a superare la recinzione del campo di gioco se nessuno interverrà.

articolo precedenteVenerdì alla Libreria Spartaco, Scrittori in carta e ossa. “Una sera con…Maurizio Vicedomini”
prossimo articoloCALCIO A 5: Gladiator S. Erasmo, ad un passo il ritorno di Natale